Login Form

Processo Produttivo

Processo Produttivo

Capsule in stagno

La realizzazione delle capsule in stagno, per le quali la Mondial Capsule è unica in Italia, inizia dalla fusione della materia prima nel proprio impianto di laminazione. Una volta fuso, lo stagno viene trasformato in lamina e portato allo spessore richiesto per le lavorazioni successive. Le bobine di stagno vengono poi lavorate nelle presse e nelle trafilatrici, dove, per passaggi di imbutitura progressiva, si ottengono le capsule di diametro e altezza richieste. La fase successiva avviene nel reparto di verniciatura e serigrafia, qui le capsule vengono personalizzate con colori di fondo, serigrafie e timbrature a seconda delle specifiche richieste dal cliente. Grazie alla vasta gamma di capsule in stagno a sua disposizione, la Mondial Capsule è in grado di offrire ai propri clienti la capsula ideale sia per le bottiglie standard che per le bottiglie speciali.

 

Capsula in polilaminato

Le capsule in polilaminato sono costituite da un "Sandwich" di alluminio-polietilene-alluminio. La materia prima, viene acquistata in bobine che vengono lavorate in una speciale macchina chiamata "Accoppiatrice" in grado di unire, tramite speciali colle ad acqua, l'alluminio con il polietilene. Il semilavorato viene poi verniciato ed eventualmente personalizzato nelle linee rotocalco. Dopo la verniciatura si passa al taglio delle bobine in varie misure per essere lavorate nelle linee di formatura. La Mondial Capsule dispone di macchine per la produzione di capsule da spumante e vini fermi, in grado di personalizzare ulteriormente il prodotto con stampe a caldo e punzonature in testa e parete. L'avanzata tecnologia dei macchinari, unita ad una capacità produttiva rilevante, permette di far fronte a consistenti ordinativi mantenendo inalterato lo standard qualitativo dei propri prodotti.

 

Capsule in PVC

Le capsule termoretraibili vengono realizzate a partire dalla materia prima acquistata in bobine, vengono poi verniciate sulle linee rotocalco dove si effettua la verniciatura del fondo e una prima personalizzazione che si ottiene attraverso cilindri di stampa disposti su tutta la larghezza della rotocalco. Il semilavorato, una volta verniciato e tagliato viene avviato nelle linee di formatura, dove le capsule vengono modellate attraverso un processo di termoretrazione su appositi mandrini conici. Anche in questo caso, nelle macchine di formatura, le capsule possono essere ulteriormente personalizzate con stampe a caldo e punzonature, sia sulla testa che sulla parete.